lunedì 21 settembre 2009

Le Vaccinazioni...

Ho trovato del materiale informativo, che mi é sembrato interessante, sul controverso e troppo poco approfondito tema delle vaccinazioni.
Lo pubblico sperando che possa essere utile e che chi disponga maggiori informazioni me le faccia arrivare.


(tratto da: vitanaturale.it)
Squilibrio immunitario in seguito alle vaccinazioni



Il sistema immunitario ha due funzioni separate e in equilibrio tra di loro:
Th1 è realizzata dai fagociti, primaria difesa contro funghi, virus e protozoi;
Th2 è indipendente dai fagociti (IgE, IgM, IgG), produce anticorpi specifici, rappresenta la memoria e il riconoscimento delle sostanze estranee.
(Se paragoniamo le sostanze che vengono a contatto con il sistema immunitario al cibo che si sta per mangiare, Th2 sarebbe l'impatto sensoriale, il riconoscimento visivo e la memoria di un cibo, Th1 sarebbe invece il processo di digestione ed espulsione del cibo)

Alla base di ogni problema immunologico c'è uno squilibrio tra Th1 e Th2.
La risposta davanti ad uno stesso stimolo può essere sia Th1 che Th2, dipende dallo stato immunologico della persona.
Predominanza di Th2 significa risposta allergica (elevati IgE, IgM) o malattia autoimmune cronica (auto-anticorpi).
Il processo Th1 di distruggere, digerire ed espellere antigeni estranei dal corpo è noto come "risposta infiammatoria acuta", i cui classici segnali sono: febbre, dolore, fuoriuscite di muco o pus, diarrea.

Le vaccinazioni spostano l'equilibrio Th1/ Th2 verso la predominanza di Th2.
Un vaccino diminuisce l'immunità del 50%, due vaccini insieme del 70%. Ormai sono una norma 3 vaccini nella stessa iniezione. I dottori per comodità cercano di somministrare vaccini di 10 virus diversi in un solo giorno!!
I vaccini riducono il numero di globuli bianchi e la vitalità dei linfociti.
Il livello di produzione delle IgE è sotto lo stretto controllo dei linfociti Th2. Lo squilibrio verso Th2 è un fattore che predispone a tutti i tipi di malattie allergiche, e coincide con depressione di Th1, cosa che favorisce lo sviluppo di infezioni virali croniche (virus influenzale o altri, ma anche candida), perché l'organismo non riesce più ad arginare e scacciare entità virali e batteriche aggressive.

Tutti i vaccini sono immunosoppressori (per la precisione deprimono Th1), riducono la nostra immunità attraverso molti meccanismi importanti:

1. Contengono sostanze chimiche (formaldeide) e metalli tossici (mercurio e alluminio) che hanno un forte effetto di depressione immunitaria. Il mercurio è il più allergizzante dei metalli insieme al nichel.
2. Contengono tessuti e materiale DNA/RNA di altri animali, che hanno l'effetto di deprimere il sistema immunitario attraverso un meccanismo di rigetto dell'organismo di cellule estranee.
3. Riducono la capacitá fagocitante di alcune cellule incaricate della difesa contro virus e batteri (NPM).
4. Intasano il nostro sistema linfatico e i linfonodi con grandi molecole di proteine che essendo state iniettate direttamente nel sangue, non sono state adeguatamente ridotte dai processi digestivi.
5. Impoveriscono l'organismo di elementi essenziali per la vitalità immunitaria, quali vitamina C, A e zinco.
6. Sono neurotossici, rallentano il livello di trasmissione nervosa e di comunicazione al cervello ed altri tessuti.


-"Sono disponibili numerosi dati che mostrano che molte allergie sono il risultato di una risposta Th2 nei confronti di antigeni ambientali innocui" Dr. Zironi (Le allergie, nuove ricerche e sperimentazioni, Homeopharm, 1999)
-"In presenza di infiammazioni autoimmuni o allergie croniche a causa di una funzione Th2 predominante, una vaccinazione porterebbe la funzione Th2 a predominare ancora di più, aggravando lo squilibrio e predisponendo a sviluppare asma, eczema, allergie, intolleranze alimentari, e autoimmunità ” dr P. F. Incao, 1997.
-Imani & Proud hanno dimostrato una relazione tra le vaccinazioni e l'asma infantile. La probabilità di avere asma era doppia in una popolazione di bambini che aveva ricevuto il vaccino triplo DPT (difterite tetano pertosse) rispetto a quelli che non lo avevano ricevuto (Hurwitz & Morgensten, Department of Epidemiology, Los Angeles Medical School).

----


(tratto da: Guida alla salute naturale;mednat.org)
Vaccinazioni di massa e loro danni

I medici americani registrano ogni anno migliaia di reazioni serie ai vaccini, incluse centinaia di morti e di menomazioni permanenti. Le popolazioni completamente vaccinate sono state investite da epidemie, e i ricercatori attribuiscono dozzine di condizioni neurologiche e immunologiche croniche ai programmi di immunizzazione di massa.
Nella letteratura medica ci sono centinaia di studi pubblicati che documentano il fallimento dei vaccini e le reazioni avverse, e dozzine di libri scritti da medici, ricercatori e scienziati indipendenti che rivelano serie lacune nella teoria e pratica dell'immunizzazione.
Nel 1989 il Center for Diesease Control and Prevention riportò:"in scuole con un livello di vaccinazioni superiore al 98% si sono avute epidemie..."
I vaccini non sono la ragione principale della diminuzione del tasso di malattie.
Secondo l'Associazione Britannica per il Progresso della Scienza, le malattie infantili diminuirono del 90% fra il 1850 ed il 1940, parallelamente al miglioramento delle pratiche sanitarie ed igieniche, ben prima che fossero introdotti i programmi di vaccinazione obbligatoria.
Un recente rapporto dell' Organizzazione Mondiale per la Sanità, rivela che la malattia e i tassi di mortalità nei paesi del terzo mondo non hanno un legame diretto con le procedure di immunizzazione o il trattamento medico, ma sono strettamente collegate con gli standard igienici ed alimentari.
La maggior parte delle malattie infettive dell'infanzia hanno poche serie conseguenze al giorno d'oggi. La maggior parte delle volte, la malattia produce immunità per tutta la vita, mentre l'immunità del vaccino è solo temporanea.
Gli effetti negativi documentati del vaccino includono disturbi immunologici e neurologici cronici, quali autismo, iperattività, scarsità di attenzione, dislessia, allergie, cancro. I componenti del vaccino includono noti cancerogeni quali thimersol, il fosfato di alluminio e la formaldeide. Il dilemma è che gli elementi virali presenti nel vaccino possono perdurare e mutare nel corpo umano per anni, con conseguenze imprevedibili.

Qualunque sia il vostro pensiero riguardo alle vaccinazioni, prendete una decisione informata.

Nessun commento:

Posta un commento